Informazioni, prodotti, persone: come ti categorizzo la vita

web design umbria

Con Faraoni Enrico CEO di web design Umbria avevamo affrontato il discorso delle categorizzazioni in uno dei tanti portali Umbriaway Consulting, ad esempio all’ indirizzo https://umbriawayfidelizza.wordpress.com/2017/09/11/gli-scacchi-moderni-e-la-complessita-quando-web-design-umbria-incontra-le-categorizzazioni-del-dio-google/ abbiamo visto le categorizzazioni generiche che però possono riguardare anche il web. Potremmo giocare a creare una palla di parole per creare la complessità e provare successivamente di a capirci qualcosa: DMOZ, Google AD Planner, target di riferimento, pubblicità Display, informazioni acquisite da, analisi dei testi contenuti nei siti, link in entrata, analisi del comportamento degli utenti in SERP per decifrarne il comportamento, differenze sostanziali e similitudini tra siti inseriti in una stessa categoria. Certamente la directory DMoz rappresenta una base di partenza: http://dmoztools.net. Il concetto é che una volta categorizzato un elemento tipo negozi per animali come Google va a catturare le occorrenze e a fare matching tra tutto il materiale ammassato a uno stesso livello, evidenzia Faraoni Enrico tramite web design Umbria. Certamente ci sono delle differenze geografiche e una chiave di ricerca negozi di animali + città ha in se un mare magnum di differenze. Occorre mettere in evidenza quelli che sono gli aspetti peculiari di queste categorie al fine di comprendere come il motore pensa e ragiona per ottimizzare il tutto in funzione delle esigenze del consumatore finale. Display Planner oggi ridirezionato sotto AdWords all’ indirizzo https://adwords.google.com/da/DisplayPlanner/ ha una serie di frecce disponibili per il proprio arco non indifferenti in quanto consente di capire come viene etichettata la propria categoria e con quali chiavi per la ricerca della migliore performances di posizionamento. Possiamo ottenere un elenco di siti categorizzati con particolare riferimento sulle esigenze di luoghi. Quali sono gli argomenti più importanti affrontati dai siti al top per quella categoria? Certamente chi é un copywriter competitivo deve usufruire di tutte le risorse che ha appena a una spanna di naso e AD PLANNER un tempo autonomo come directory e oggi piegato al volere di AdWords nella sua URL é uno strumento potente che chi si occupa di web marketing non può sottovalutare. Certamente uno dei nostri obiettivi é quello di metterci in evidenza su argomenti tematici alzando l’asticella della qualità presso siti che hanno correlazione con il tema del nostro brand, tradotto dovremmo cercare di ottenere link esterni di qualità. Certamente la logica degli spider premia le 50 sfumature di grigio che scaturiscono tra due insiemi adiacenti e poco senso avrebbe cercare di migliorare il posizionamento organico sulla key cibo per cani cercando di fare SEM e tentando di allargare la propria influenza se il nostro sito si mette a parlare anche di razzi coreani che minacciano indiscriminatamente una terza guerra mondiale, tanto per restare distesi e rilassati, sottolinea web design Umbria. Intenzioni, utenti e siti web, insomma i motori ci squadrano e ci modellano sulle categorizzazioni con questi criteri. web design umbriaCertamente se vi mettete a cercare droni con insistenza e vi collegate in un social network non stupitevi se la pubblicità occulta e personalizzata dei droni compare anche lì per invogliarvi a svuotare il portafoglio in qualche negozio. Il fatto é che le nostre ricerche anche se anonime vengono memorizzate comunque nel browser per un certo periodo di tempo minore di sicuro rispetto a chi é loggato e sfruttate per servire il dio business del commercio elettronico, esalta web design Umbria. Del resto provate a digitare http://www.google.cpm/history (servizio che può anche essere disattivato) che cosa accade? Non dobbiamo quindi stupirci se intorno a noi le catastrofi naturali avanzano per i danni al clima che apportiamo e se le macchine e i computer stanno diventando sempre più umani per la capacità di rigirare i nostri interessi dal punto di vista psicologico come un calzino. Del resto ogni giorno cerciamo informazioni, persone, prodotti tutti dati che nella history poi vanno a finire categorizzati e ordinati secondo certi criteri. La storia dell’ occhio divino triangolare é assolutamente vera, qualcuno di fa a pezzettini sulle nostre preferenza nostra insaputa, sottolinea il CEO Faraoni Enrico di Umbriaway Consulting con velata ironia. E quindi le personalizzazioni sono circoscritte nell’ ambito di questo articolo di avvicinamento verso le categorizzazioni? Certo che no e in uno dei prossimi articoli sul portale Umbriaway Consulting andremo a intaccare la punta dell’ iceberg per scoprire altre sfumature sulla complessa questione del come e perché veniamo etichettati dai motori di ricerca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: