Tony Miles best games e i mostri dai mille occhi

agenzia web marketingAlle olimpiadi di Dubai nel 1986 indovina chi giocava per l’inghilterra negli incontri a squadre? Gente come Speelmann, Short, Nunn e Tony Miles indirizzo internet https://it.wikipedia.org/wiki/Tony_Miles. Nell’ olimpiade citata Miles diede il suo contributo per far vincere in prima scacchiera una storica medagli d’argento agli inglesi. Di Kasparov che non riusciva mai a battere disse: mi sembra di giocare con un mostro dai mille occhi ma anche a fine carriera a metà anni novanta, dopo che si era ammalato con disturbi nervosi, al PCA Intel Rapid Chess Grand Prix di Londra eliminò Vladimir Kramnik al primo turno e Loek van Wely al secondo, ma fu sconfitto dal connazionale Michael Adams nelle semifinali ad indicare da agenzia web marketing che proprio un giocatore privo di talento non era. Vinse tre volte (1995, 1996 e 1999) il prestigioso Memorial Capablanca a Cuba. Nel 1999 arrivò primo alla pari al Continental Open di Los Angeles. Nel 2001 vinse il suo ultimo torneo al Canadian Open Chess Championship di Sackville nel New Brunswick, estremo est del Canada. Da Wikipedia scopriamo che Tony Miles è stato un personaggio singolare. In un torneo si accordò per una patta senza giocare alcuna mossa e alle rimostranze dell’arbitro che non voleva assegnare alcun punto, rispose che spesso capita che i giocatori fanno mosse banali per fingere una partita che vogliono pareggiare e che quella sarebbe stata la prima volta in cui si puniva questo comportamento. A suo nome è indicata la linea di gioco: E12 – Difesa Ovest Indiana, variante Miles (1. d4 Nf6 2. c4 e6 3. Nf3 b6 4. Bf4). Geoff Lawton ha curato la pubblicazione di un libro intitolato Tony Miles: “It’s Only Me”.

E ora prima di passare con agenzia web marketing alla parte di programmazione javascript dando una occhiata alle funzioni, vediamo se in carriera Tony Miles ha giocato belle partite. Ad esempio http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1068157 mette in evidenza una sorta di eccentricità e stravaganza se non altro perché il Bianco é Karpov. La promozione a cavallo scacco in una est indiana girata da Hitchcock all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1098358 é da brividi e dimostra come non potevi concedere nulla a Tony Miles neanche un leggero vantaggio di sviluppo. Anche la pigna inflitta a un ex campione del mondo ha il suo perché http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1097114 e i suoi elementi di genialità dal momento che quasi tutti avrebbero ipotizzato che una figura intera dal valore nominale tre sarebbe scomparsa dalla casa d7 seguendo la via degli spogliatoi. Insomma talento e creatività ma anche solida impostazione strategica, come a dire con agenzia web marketing me dici poco eh?! E ora riprendiamo il tunnel spaziale verso JS. Una funzione JavaScript è un blocco di codice progettato per eseguire una determinata attività. I principali vantaggi dell’utilizzo delle funzioni: Riutilizzo del codice, definire il codice una sola volta e utilizzarlo più volte. Usa lo stesso codice molte volte con argomenti diversi, per produrre risultati diversi. Una funzione JavaScript viene eseguita quando “qualcosa” richiama o chiama. Per definire una funzione JavaScript, utilizzare la parola chiave function, seguita da un nome, seguito da un insieme di parentesi (). Il codice che deve essere eseguito dalla funzione si trova all’interno delle parentesi graffe {}.

function name() {
//code to be executed
}

I nomi delle funzioni possono contenere lettere, cifre, caratteri di sottolineatura e segni di dollaro (stesse regole delle variabili). Per eseguire la funzione, è necessario chiamarla. Per chiamare una funzione, iniziare con il nome della funzione, quindi seguirla con gli argomenti tra parentesi.
Esempio:

function myFunction() {
alert(“Calling a Function!”);
}

myFunction();
//Alerts “Calling a Function!”

Always remember to end the statement with a semicolon after calling the function. Una volta definita la funzione, JavaScript ti consente di chiamarla tutte le volte che vuoi.

function myFunction() {
alert(“Alert box!”);
}

myFunction();
//”Alert box!”

// some other code

myFunction();
//”Alert box!”

Le funzioni possono assumere parametri. I parametri di funzione sono i nomi elencati nella definizione della funzione. Sintassi:

functionName(param1, param2, param3) {
// some code
}

Come per le variabili, i parametri dovrebbero avere i nomi, che sono separati da virgole tra parentesi. Dopo aver definito i parametri, è possibile utilizzarli all’interno della funzione.

function sayHello(name) {
alert(“Hi, ” + name);
}

sayHello(“David”);
//Alerts “Hi, David”

This function takes in one parameter, which is called name. When calling the function, provide the parameter’s value (argument) inside the parentheses. Function arguments are the real values passed to (and received by) the function. È possibile definire una singola funzione e passare ad essa valori diversi (argomenti).

function sayHello(name) {
alert(“Hi, ” + name);
}
sayHello(“David”);
sayHello(“Sarah”);
sayHello(“John”);

Questo eseguirà il codice della funzione ogni volta per l’argomento fornito. Puoi definire più parametri per una funzione separandoli da una virgola

function myFunc(x, y) {
// some code
}

L’esempio sopra definisce la funzione myFunc per prendere due parametri.I parametri vengono utilizzati all’interno della definizione della funzione.

function sayHello(name, age) {
document.write( name + ” is ” + age + ” years old.”);
}

Quando si chiama la funzione, fornire gli argomenti nello stesso ordine in cui sono stati definiti.

function sayHello(name, age) {
document.write( name + ” is ” + age + ” years old.”);
}

sayHello(“John”, 20)
//Outputs “John is 20 years old.”

Dopo aver definito la funzione, puoi chiamarla tutte le volte che è necessario. Le funzioni JavaScript non controllano il numero di argomenti ricevuti. Se una funzione viene chiamata con argomenti mancanti (meno di dichiarata), i valori mancanti vengono impostati su undefined, che indica che a una variabile non è stato assegnato un valore, evidenzia agenzia web marketing. Una funzione può avere un’istruzione di reso opzionale. È usato per restituire un valore dalla funzione. Questa affermazione è utile quando si eseguono calcoli che richiedono un risultato. Quando JavaScript raggiunge un’istruzione di ritorno, la funzione si interrompe. Utilizzare l’istruzione return per restituire un valore. Ad esempio, calcoliamo il prodotto di due numeri e restituiamo il risultato.

function myFunction(a, b) {
return a * b;
}

var x = myFunction(5, 6);
// Return value will end up in x
// x equals 30

Se non si restituisce nulla da una funzione, verrà restituito undefined.

function addNumbers(a, b) {
var c = a+b;
return c;
}
document.write( addNumbers(40, 2) );
//Outputs 42

Il comando document.write emette il valore restituito dalla funzione, che è la somma dei due parametri. JavaScript offre tre tipi di finestre popup, le caselle Avviso, Richiesta e Conferma. Una casella di avviso viene utilizzata quando si desidera garantire che le informazioni giungano all’utente. Quando viene visualizzata una finestra di avviso, l’utente deve fare clic su OK per continuare. La funzione di avviso prende un singolo parametro, che è il testo visualizzato nella finestra popup. Esempio:

alert(“Do you really want to leave this page?”);

Per visualizzare interruzioni di riga all’interno di una finestra popup, utilizzare una barra rovesciata seguita dal carattere n.

avviso (“Ciao \ nCome sei?”);

Fai attenzione quando usi le caselle di avviso, poiché l’utente può continuare a utilizzare la pagina solo dopo aver fatto clic su OK. Una finestra di messaggio viene spesso utilizzata per consentire all’utente di immettere un valore prima di immettere una pagina. Quando viene visualizzata una finestra di richiesta, l’utente dovrà fare clic su OK o Annulla per procedere dopo aver inserito il valore di input. Se l’utente fa clic su OK, la casella restituisce il valore di input. Se l’utente fa clic su Annulla, la casella restituisce null.

Il metodo prompt () accetta due parametri.
– Il primo è l’etichetta, che si desidera visualizzare nella casella di testo.
– Il secondo è una stringa predefinita da visualizzare nella casella di testo (opzionale).

Esempio:

var user = prompt(“Please enter your name”);
alert(user);

Una casella di conferma viene spesso utilizzata per consentire all’utente di verificare o accettare qualcosa. Quando viene visualizzata una finestra di conferma, l’utente deve fare clic su OK o Annulla per procedere. Se l’utente fa clic su OK, la casella restituisce true. Se l’utente fa clic su Annulla, la casella restituisce false. Esempio:

var result = confirm(“Do you really want to leave this page?”);
if (result == true) {
alert(“Thanks for visiting”);
}
else {
alert(“Thanks for staying with us”);
}

Annunci

Agenzia web marketing e Angular: la sfida continua, parte III

agenzia web marketingCome i nostri appassionati aspiranti web developer ricorderanno all’ indirizzo https://umbriawayformazione.wordpress.com/2017/12/13/web-marketing-umbria-scacco-matto-ad-angular-prima-puntata/ abbiamo introdotto il tema del famoso framework e di come riuscire a metabolizzarlo mentre al link https://umbriawaynoir.wordpress.com/2017/12/13/web-marketing-umbria-e-angular-puntata-ii/ si evince che chi non sfonda una porta sfonda un portone, tradotto che anche i geroglifici possono essere resi comprensibili dalle deduzione di qualche novello Champollion. A complicare ulteriormente le cose in quest’ ultimo link avevamo iniziato anche di ARTICOLI DETERMINATIVI nella STRUTTURA della LINGUA INGLESE e oggi completiamo il tema rispondendo alla domanda che era rimasta in sospeso, dopo aver individuato una buona quantità di regole sul perché e come invece andava usato. Non si usa prima di nomi di nazione al singolare, città, luoghi, monti, continenti per cui Italy e Venice e Lake Como e Mount Everest e Africa NON NECESSITANO dell’ ARTICOLO DETERMINATIVO THE. Non si usa prima di un GENITIVO SASSONE e degli AGGETTIVI POSSESSIVI tipo Francesca’ s wallet (il portafoglio di Francesco) e My new dress (il mio nuovo vestito). Non si usa prima dei nomi dei pasti e degli sport per cui dinner is delicious (la cena é deliziosa) o John play tennis (John gioca a tennis). THE non si usa prima di nomi propri, soli o preceduti dal titolo di professione o nobiltà, quindi Nelson was a great man o Mrs. Jane Robinson is a career woman. THE non si usa prima dei nomi quando vengono usati in senso generale tipo do you go to school? o I like jazz. Come si può vedere la lingua inglese é ricca di regole e controregole e non é fare lo slalom in questo ginepraio di varianti. A proposito di varianti agenzia web marketing segnala all’indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1487789 un bel dragone giocato nel 1983 tra i GM Plaskett e Watson.agenzia web marketing Molti potranno obiettare che questa complicata miniatura sia oggi completamente smontata dalla teoria delle aperture che considera il dragone come una apertura tendente all’ autoimplosione se il Bianco arriva preparato con la novità teorica alla mossa 64 che gli fa vincere facilmente il finale. Bella 18..Ag4! altamente destabilizzante e da catenaccio calcistico italian style. Il dragone si presta molto alle tematiche di attacco e controattacco ed é simile a molte varianti della pirc, vedere ad esempio anche la partita al link http://www.ajedrezdeataque.com/02%20Partidas/3_ptos/bloque112/Yudasin-Gipslis.htm dove il nero però non riesce nemmeno ad arroccare attirato da un dono avvelenato e viene travolto da una girandola di sacrifici mortali oltre che dal gioco preciso e accurato da parte del bianco. Liquidata con agenzia web marketing anche la parte di training scacchistico non ci resta che passare al vivo dell’ argomento, ossia come funziona Angular? agenzia web marketingNelle scorse lezioni abbiamo solo inizializzato la nostra APP cpn il webpack e il famoso comando ng serve dopo aver installato tutte le risorse necessarie ma non abbiamo ancora visto il codice sorgente. Su https://angular.io/ si fa riferimento alla versione 4 e a quella facciamo riferimento con il supporto di TypeScript al posto di javascript che ha caratteristiche più performanti rispetto al suo famoso genitore. A questo punto consigliamo un editor di codice come Visual Studio Code, indirizzo https://code.visualstudio.com/ . Dove andremo a lavorare nel 99 per cento delle volte che abbiamo aperto Visual Studio Code? La risposta data da agenzia web marketing é: dentro la cartella SRC e successivamente APP. Qua dentro creeremo i nostri componenti, i nostri moduli e le nostre direttive. Se clicchiamos ul file app.component.html dove viene generato tutto l’html della pagina . Una figata pazzesca é quando da questo file faccio delle modifiche e senza dover fare aggiorna e controaggiorna dall’ altra parte mi verrà renderizzato il nuovo blocco di modifiche (comoda la vita eh?!), dove per altra parte si parla del lancio preliminare di ng serve che mette in moto la struttura client-server all’ indirizzo http://localhost:4200. Ma se io volessi dare un messaggio di benvenuto allora come faccio? Apporto questa modifica all’ HTML “ciao e buon Natale eh” sull’ H1 per esempio ottenendo una compilazione automatica che mi farà vedere la nuova modifica ovviamente dopo aver salvato il file su VSC (visual studio code). agenzia web marketingAnalizziamo ad esempio questo codice: <h1> ciao {{ name }} {{ title }}! </h1> da dove arrivano le strane espressioni contenute tra le doppie graffe?! La risposta di agenzia web marketing é dal file app.component.ts dove ts sta per typescript per l’appunto e che cosa conterrà questo file per mostrare a video ciao nome dell’ utente + auguri di buone feste? Quello che si vede postato con l’immagine a supporto ossia le dichiarazione delle variabili con la dichiarazione della classe automaticamente importata e collegata dal file HTML. E come si fa a cambiare una regola CSS? Lo posso fare? Certo che si dal file app. component.css dove posso impostare colori, padding, margin, background-color, text.align center etc etc e chi più ne ha più ne metta, conclude agenzia web marketing. Quando creeremo un nostro modulo che ha dei componenti lavoreremo comunque su questi tre blocchi separati rispetto alla cartella SRC e APP, quindi app.component.html/app.component.ts e app.component.css! Ora non resta che vedere il giro completo per vedere come viene caricata a livello complessivo un APP e quali sono i file di configurazione che rendono funzionale il tutto, prima di chiudere ricordiamo che la grafica inedita contenuta in questo script arriva da http://www.unspalash.com, stay tuned con agenzia web marketing!

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑