E io rinascerò come un cervo a primavera, oppure diverrò morra di scogliera: sistema difensivo e6, Dc7 e Cf6 idea Cg4, pro e contro nella Faraoni Enrico – Attila chess preparazione raggruppamento A2

La canzone di Cocciante si presta ai problemi della posizione che scaturiscono nel morra quando il bianco decide di impostare di nero mangiando un pedone comunque una partita tattica con i sistemi e6-Dc7-Cf6-Cg4. A quel punto la zuffa é garantita e il gioco é aperto per entrambi i colori, vediamo quindi la Faraoni Enrico vs Attila active chess del 3 febbraio 2018 dove entrambi i colori hanno idee e risorse per portare acqua al proprio mulino (il morra é perdente! il morra é facilmente rivitalizzabile!). Che vinca il bianco oppure il nero é probabile che la canzone di Cocciante associata a questa prestazione soddisfi chiunque dal momento che nel verso critico chiunque sarebbe contento di risvegliarsi anche se giocando la stessa variante allo stesso modo con un altro avversario si vinca (da qui le inevitabili corna del cervo aprimavera).

1. e4 c5 2. d4 cxd4 3. c3 dxc3 4. Nxc3 Nc6 5. Nf3 e6 6. Bc4 Qc7 7. O-O Nf6 8. Nb5

(8. Qe2 Ng4 9. Nb5 é la variante principale abbastanza truccaiola)

8… Qb8 9 e5!

9… Ng4!

[9… Nxe5 10. Nxe5 Qxe5 11. Re1 (11. Qf3?! Bd6 12. Nxd6+ Qxd6 13. Bf4 Qb4 sembra promettente per il nero anche se il bianco può organizzare delle minacce sul lato di re) 11… Qb8 12. Qd4 d6 13. Bf4 e5 14. Rxe5+ dxe5 15. Bxe5 decisivo del bianco, linea tattica che mostra cosa succede al nero se gioca con una certa meccanica svogliatezza]

10. Bf4 a6!

(10…Ngxe5 11. Nxe5 Nxe5 12. Re1 d6 13. Rc1 Bd7 14. Bxe6 Bxb5 15. Rc8+ vinta per il bianco per esempio a dimostrazione che il nero deve comunque fare molta attenzione)

11. Nd6+ Bxd6 12. exd6 O-O 13. Nd4 Nge5 14. Nxc6 Nxc6 15. Qg4

e la posizione é da giocare nel senso che se il nero non trova mosse attive può subire veloci miniature, ad esempio dovrà mettere un Alfiere in b7 per puntare su g2 e dare modo alla donna b8 di rientrare a difesa del lato di re, accompagnando però prima queste idee dalla inevitabile spinta in f5 che serve a bloccare le velleità del bianco per dare matto che tra l’altro ha anche idee tipo di alzare un pezzo pesante sulla terza traversa, in h3. Il morrista ha l’iniziativa e più spazio in cambio del pedone mentre il nero se organizza bene le difese (ad esempio potrebbe anche minacciare un Tf6-g6 dopo f5 anche se il bianco potrebbe portare un pedone in h5 per evitarlo) ha un finale quasi vinto! Morra, bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Quello che é certo é che anche nel sistema con e6, Dc7, Cf6 etc c’è molta carne sul fuoco e certamente la cessione dell’ alfiere delle case nere al nero bene non fa. E quindi prendete e giocaterlo, tutto questo é il corpo del morra offerto in sacrificio per voi! Per gli affezionati di Cocciante rimandiamo a https://youtu.be/DEKuHTmDxMw

Annunci

Tony Miles best games e i mostri dai mille occhi

agenzia web marketingAlle olimpiadi di Dubai nel 1986 indovina chi giocava per l’inghilterra negli incontri a squadre? Gente come Speelmann, Short, Nunn e Tony Miles indirizzo internet https://it.wikipedia.org/wiki/Tony_Miles. Nell’ olimpiade citata Miles diede il suo contributo per far vincere in prima scacchiera una storica medagli d’argento agli inglesi. Di Kasparov che non riusciva mai a battere disse: mi sembra di giocare con un mostro dai mille occhi ma anche a fine carriera a metà anni novanta, dopo che si era ammalato con disturbi nervosi, al PCA Intel Rapid Chess Grand Prix di Londra eliminò Vladimir Kramnik al primo turno e Loek van Wely al secondo, ma fu sconfitto dal connazionale Michael Adams nelle semifinali ad indicare da agenzia web marketing che proprio un giocatore privo di talento non era. Vinse tre volte (1995, 1996 e 1999) il prestigioso Memorial Capablanca a Cuba. Nel 1999 arrivò primo alla pari al Continental Open di Los Angeles. Nel 2001 vinse il suo ultimo torneo al Canadian Open Chess Championship di Sackville nel New Brunswick, estremo est del Canada. Da Wikipedia scopriamo che Tony Miles è stato un personaggio singolare. In un torneo si accordò per una patta senza giocare alcuna mossa e alle rimostranze dell’arbitro che non voleva assegnare alcun punto, rispose che spesso capita che i giocatori fanno mosse banali per fingere una partita che vogliono pareggiare e che quella sarebbe stata la prima volta in cui si puniva questo comportamento. A suo nome è indicata la linea di gioco: E12 – Difesa Ovest Indiana, variante Miles (1. d4 Nf6 2. c4 e6 3. Nf3 b6 4. Bf4). Geoff Lawton ha curato la pubblicazione di un libro intitolato Tony Miles: “It’s Only Me”.

E ora prima di passare con agenzia web marketing alla parte di programmazione javascript dando una occhiata alle funzioni, vediamo se in carriera Tony Miles ha giocato belle partite. Ad esempio http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1068157 mette in evidenza una sorta di eccentricità e stravaganza se non altro perché il Bianco é Karpov. La promozione a cavallo scacco in una est indiana girata da Hitchcock all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1098358 é da brividi e dimostra come non potevi concedere nulla a Tony Miles neanche un leggero vantaggio di sviluppo. Anche la pigna inflitta a un ex campione del mondo ha il suo perché http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1097114 e i suoi elementi di genialità dal momento che quasi tutti avrebbero ipotizzato che una figura intera dal valore nominale tre sarebbe scomparsa dalla casa d7 seguendo la via degli spogliatoi. Insomma talento e creatività ma anche solida impostazione strategica, come a dire con agenzia web marketing me dici poco eh?! E ora riprendiamo il tunnel spaziale verso JS. Una funzione JavaScript è un blocco di codice progettato per eseguire una determinata attività. I principali vantaggi dell’utilizzo delle funzioni: Riutilizzo del codice, definire il codice una sola volta e utilizzarlo più volte. Usa lo stesso codice molte volte con argomenti diversi, per produrre risultati diversi. Una funzione JavaScript viene eseguita quando “qualcosa” richiama o chiama. Per definire una funzione JavaScript, utilizzare la parola chiave function, seguita da un nome, seguito da un insieme di parentesi (). Il codice che deve essere eseguito dalla funzione si trova all’interno delle parentesi graffe {}.

function name() {
//code to be executed
}

I nomi delle funzioni possono contenere lettere, cifre, caratteri di sottolineatura e segni di dollaro (stesse regole delle variabili). Per eseguire la funzione, è necessario chiamarla. Per chiamare una funzione, iniziare con il nome della funzione, quindi seguirla con gli argomenti tra parentesi.
Esempio:

function myFunction() {
alert(“Calling a Function!”);
}

myFunction();
//Alerts “Calling a Function!”

Always remember to end the statement with a semicolon after calling the function. Una volta definita la funzione, JavaScript ti consente di chiamarla tutte le volte che vuoi.

function myFunction() {
alert(“Alert box!”);
}

myFunction();
//”Alert box!”

// some other code

myFunction();
//”Alert box!”

Le funzioni possono assumere parametri. I parametri di funzione sono i nomi elencati nella definizione della funzione. Sintassi:

functionName(param1, param2, param3) {
// some code
}

Come per le variabili, i parametri dovrebbero avere i nomi, che sono separati da virgole tra parentesi. Dopo aver definito i parametri, è possibile utilizzarli all’interno della funzione.

function sayHello(name) {
alert(“Hi, ” + name);
}

sayHello(“David”);
//Alerts “Hi, David”

This function takes in one parameter, which is called name. When calling the function, provide the parameter’s value (argument) inside the parentheses. Function arguments are the real values passed to (and received by) the function. È possibile definire una singola funzione e passare ad essa valori diversi (argomenti).

function sayHello(name) {
alert(“Hi, ” + name);
}
sayHello(“David”);
sayHello(“Sarah”);
sayHello(“John”);

Questo eseguirà il codice della funzione ogni volta per l’argomento fornito. Puoi definire più parametri per una funzione separandoli da una virgola

function myFunc(x, y) {
// some code
}

L’esempio sopra definisce la funzione myFunc per prendere due parametri.I parametri vengono utilizzati all’interno della definizione della funzione.

function sayHello(name, age) {
document.write( name + ” is ” + age + ” years old.”);
}

Quando si chiama la funzione, fornire gli argomenti nello stesso ordine in cui sono stati definiti.

function sayHello(name, age) {
document.write( name + ” is ” + age + ” years old.”);
}

sayHello(“John”, 20)
//Outputs “John is 20 years old.”

Dopo aver definito la funzione, puoi chiamarla tutte le volte che è necessario. Le funzioni JavaScript non controllano il numero di argomenti ricevuti. Se una funzione viene chiamata con argomenti mancanti (meno di dichiarata), i valori mancanti vengono impostati su undefined, che indica che a una variabile non è stato assegnato un valore, evidenzia agenzia web marketing. Una funzione può avere un’istruzione di reso opzionale. È usato per restituire un valore dalla funzione. Questa affermazione è utile quando si eseguono calcoli che richiedono un risultato. Quando JavaScript raggiunge un’istruzione di ritorno, la funzione si interrompe. Utilizzare l’istruzione return per restituire un valore. Ad esempio, calcoliamo il prodotto di due numeri e restituiamo il risultato.

function myFunction(a, b) {
return a * b;
}

var x = myFunction(5, 6);
// Return value will end up in x
// x equals 30

Se non si restituisce nulla da una funzione, verrà restituito undefined.

function addNumbers(a, b) {
var c = a+b;
return c;
}
document.write( addNumbers(40, 2) );
//Outputs 42

Il comando document.write emette il valore restituito dalla funzione, che è la somma dei due parametri. JavaScript offre tre tipi di finestre popup, le caselle Avviso, Richiesta e Conferma. Una casella di avviso viene utilizzata quando si desidera garantire che le informazioni giungano all’utente. Quando viene visualizzata una finestra di avviso, l’utente deve fare clic su OK per continuare. La funzione di avviso prende un singolo parametro, che è il testo visualizzato nella finestra popup. Esempio:

alert(“Do you really want to leave this page?”);

Per visualizzare interruzioni di riga all’interno di una finestra popup, utilizzare una barra rovesciata seguita dal carattere n.

avviso (“Ciao \ nCome sei?”);

Fai attenzione quando usi le caselle di avviso, poiché l’utente può continuare a utilizzare la pagina solo dopo aver fatto clic su OK. Una finestra di messaggio viene spesso utilizzata per consentire all’utente di immettere un valore prima di immettere una pagina. Quando viene visualizzata una finestra di richiesta, l’utente dovrà fare clic su OK o Annulla per procedere dopo aver inserito il valore di input. Se l’utente fa clic su OK, la casella restituisce il valore di input. Se l’utente fa clic su Annulla, la casella restituisce null.

Il metodo prompt () accetta due parametri.
– Il primo è l’etichetta, che si desidera visualizzare nella casella di testo.
– Il secondo è una stringa predefinita da visualizzare nella casella di testo (opzionale).

Esempio:

var user = prompt(“Please enter your name”);
alert(user);

Una casella di conferma viene spesso utilizzata per consentire all’utente di verificare o accettare qualcosa. Quando viene visualizzata una finestra di conferma, l’utente deve fare clic su OK o Annulla per procedere. Se l’utente fa clic su OK, la casella restituisce true. Se l’utente fa clic su Annulla, la casella restituisce false. Esempio:

var result = confirm(“Do you really want to leave this page?”);
if (result == true) {
alert(“Thanks for visiting”);
}
else {
alert(“Thanks for staying with us”);
}

Agenzia web marketing e Angular: la sfida continua, parte III

agenzia web marketingCome i nostri appassionati aspiranti web developer ricorderanno all’ indirizzo https://umbriawayformazione.wordpress.com/2017/12/13/web-marketing-umbria-scacco-matto-ad-angular-prima-puntata/ abbiamo introdotto il tema del famoso framework e di come riuscire a metabolizzarlo mentre al link https://umbriawaynoir.wordpress.com/2017/12/13/web-marketing-umbria-e-angular-puntata-ii/ si evince che chi non sfonda una porta sfonda un portone, tradotto che anche i geroglifici possono essere resi comprensibili dalle deduzione di qualche novello Champollion. A complicare ulteriormente le cose in quest’ ultimo link avevamo iniziato anche di ARTICOLI DETERMINATIVI nella STRUTTURA della LINGUA INGLESE e oggi completiamo il tema rispondendo alla domanda che era rimasta in sospeso, dopo aver individuato una buona quantità di regole sul perché e come invece andava usato. Non si usa prima di nomi di nazione al singolare, città, luoghi, monti, continenti per cui Italy e Venice e Lake Como e Mount Everest e Africa NON NECESSITANO dell’ ARTICOLO DETERMINATIVO THE. Non si usa prima di un GENITIVO SASSONE e degli AGGETTIVI POSSESSIVI tipo Francesca’ s wallet (il portafoglio di Francesco) e My new dress (il mio nuovo vestito). Non si usa prima dei nomi dei pasti e degli sport per cui dinner is delicious (la cena é deliziosa) o John play tennis (John gioca a tennis). THE non si usa prima di nomi propri, soli o preceduti dal titolo di professione o nobiltà, quindi Nelson was a great man o Mrs. Jane Robinson is a career woman. THE non si usa prima dei nomi quando vengono usati in senso generale tipo do you go to school? o I like jazz. Come si può vedere la lingua inglese é ricca di regole e controregole e non é fare lo slalom in questo ginepraio di varianti. A proposito di varianti agenzia web marketing segnala all’indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1487789 un bel dragone giocato nel 1983 tra i GM Plaskett e Watson.agenzia web marketing Molti potranno obiettare che questa complicata miniatura sia oggi completamente smontata dalla teoria delle aperture che considera il dragone come una apertura tendente all’ autoimplosione se il Bianco arriva preparato con la novità teorica alla mossa 64 che gli fa vincere facilmente il finale. Bella 18..Ag4! altamente destabilizzante e da catenaccio calcistico italian style. Il dragone si presta molto alle tematiche di attacco e controattacco ed é simile a molte varianti della pirc, vedere ad esempio anche la partita al link http://www.ajedrezdeataque.com/02%20Partidas/3_ptos/bloque112/Yudasin-Gipslis.htm dove il nero però non riesce nemmeno ad arroccare attirato da un dono avvelenato e viene travolto da una girandola di sacrifici mortali oltre che dal gioco preciso e accurato da parte del bianco. Liquidata con agenzia web marketing anche la parte di training scacchistico non ci resta che passare al vivo dell’ argomento, ossia come funziona Angular? agenzia web marketingNelle scorse lezioni abbiamo solo inizializzato la nostra APP cpn il webpack e il famoso comando ng serve dopo aver installato tutte le risorse necessarie ma non abbiamo ancora visto il codice sorgente. Su https://angular.io/ si fa riferimento alla versione 4 e a quella facciamo riferimento con il supporto di TypeScript al posto di javascript che ha caratteristiche più performanti rispetto al suo famoso genitore. A questo punto consigliamo un editor di codice come Visual Studio Code, indirizzo https://code.visualstudio.com/ . Dove andremo a lavorare nel 99 per cento delle volte che abbiamo aperto Visual Studio Code? La risposta data da agenzia web marketing é: dentro la cartella SRC e successivamente APP. Qua dentro creeremo i nostri componenti, i nostri moduli e le nostre direttive. Se clicchiamos ul file app.component.html dove viene generato tutto l’html della pagina . Una figata pazzesca é quando da questo file faccio delle modifiche e senza dover fare aggiorna e controaggiorna dall’ altra parte mi verrà renderizzato il nuovo blocco di modifiche (comoda la vita eh?!), dove per altra parte si parla del lancio preliminare di ng serve che mette in moto la struttura client-server all’ indirizzo http://localhost:4200. Ma se io volessi dare un messaggio di benvenuto allora come faccio? Apporto questa modifica all’ HTML “ciao e buon Natale eh” sull’ H1 per esempio ottenendo una compilazione automatica che mi farà vedere la nuova modifica ovviamente dopo aver salvato il file su VSC (visual studio code). agenzia web marketingAnalizziamo ad esempio questo codice: <h1> ciao {{ name }} {{ title }}! </h1> da dove arrivano le strane espressioni contenute tra le doppie graffe?! La risposta di agenzia web marketing é dal file app.component.ts dove ts sta per typescript per l’appunto e che cosa conterrà questo file per mostrare a video ciao nome dell’ utente + auguri di buone feste? Quello che si vede postato con l’immagine a supporto ossia le dichiarazione delle variabili con la dichiarazione della classe automaticamente importata e collegata dal file HTML. E come si fa a cambiare una regola CSS? Lo posso fare? Certo che si dal file app. component.css dove posso impostare colori, padding, margin, background-color, text.align center etc etc e chi più ne ha più ne metta, conclude agenzia web marketing. Quando creeremo un nostro modulo che ha dei componenti lavoreremo comunque su questi tre blocchi separati rispetto alla cartella SRC e APP, quindi app.component.html/app.component.ts e app.component.css! Ora non resta che vedere il giro completo per vedere come viene caricata a livello complessivo un APP e quali sono i file di configurazione che rendono funzionale il tutto, prima di chiudere ricordiamo che la grafica inedita contenuta in questo script arriva da http://www.unspalash.com, stay tuned con agenzia web marketing!

Primi passi con un progetto complesso mysql/php: un db relazionale é come una scacchiera, parola di web design Umbria!

web design umbriaLa maggior parte dei libri e manuali tecnici che parlano di php e mysql dedicano i primi capitoli almeno un paio a un overview generale e tutto un capitolo prolisso sull’ installazione di mysql e poi sull’ installazione di php e poi sull’ installazione del server apache, osservazione critica di web design Umbria. Installate in locale xampp https://www.apachefriends.org/it/index.html e risolvete un sacco di problemi dipodiché vi concentrate senza perdere troppo tempo alla sostanza dei contenuti e non a quelli della cornice dal momento che in rete se qualcuno desiderasse installare i pacchetti isolati trova una grande quantità di guide e informazioni su come districarsi per ottimizzare le varie configurazione ambiente. Sostanzialmente in una architettura client e server si instaura un rapporto perverso simile a due tenisti dove il client invia una riochiesta interrogazione per mano dell’ utente e dall’ altra parte una macchina infallibile se le istruzioni sono corrette risponde in maniera ottimizzata per dare delle risposte dal server che invia i dati elaborati al client. Volendo potremmo anche vedere un esempio tipo questo da inserire nel body: <p>Today’s Date (according to this Web server) is <?php echo date(‘l, F dS Y.’); ?> che genera nel browser questa risposta: Today’s Date (according to this Web server) is Sunday, October 08th 2017. Questo é la dimostrazione di quanto detto precedentemente anche se qui l’utente non fa nessuna richiesta diretta ma é la pagina che aggiorna sempre dinamicamente il contenuto. Vediamo i parametri usati da indirizzo http://php.net/manual/en/function.date.php dove scopriamo che la l sta per (lowercase ‘L’) A full textual representation of the day of the week; la F sta per A full textual representation of a month, such as January or March e naturalmente Y per l’anno in 4 cifre. Ora che le pagine siano dinamiche siamo contenti ma le cose diventano davvero ionteressanti quando di mezzo abbiamo un database mysql per interrogare i dati, pensiamo solo a un contenitore dove mettere tutte le nostre barzellette preferite per estrapolare poi davvero quello che é di ns interesse di volta in volta. Immaginiamo cento pagine con cento barzellette diverse, una per ogni singola pagina HTML all’ interno del DB posso posizionare tutte le mie barzellette in unica soluzione tabella all’ interno di campi testo univoci contrassegnati da un id di appartenenza che le identifica. web design umbriaLe barzellette verrebbero selezionate in automatico, le pagine dinamiche costruite in base alle interrogazioni e gli inserimenti andrebbero ad accrescre il nostro numero di record con una query di INSERT. Un database é composto da uno o più tabelle e poniamo il caso che lo chiamiamo in questo caso jokes al plurale. Poi creeremo una tabella che avrà tre colonne contrassegnate da id , joketext e jokedate e con varie righe , una per ogni barzelletta inserita. Per ragioni di buona progettazione ogni tabella di database dovrebbe sempre dare la possibilità di identificare ognuna delle sue righe in modo univoco. I criteri per la costruzione dei database relazionali vedono proprio nel concetto di ridondanza il loro punto di lavoro critico nel senso che i record non devono essere ripetuti all’ interno della tabella e anche dati che compaiono più volte occupano inutilmente spazio in memoria. La progettazione del DB é fase molto delicata e ricca di implicazioni. Se il server host non mette a disposizione una finestra di accesso é possibile anche da finestra di comando windows cmd collegarsi all’ indirizzo IP della macchina con la login tramite il comando da root mysql, quindi mysql -h hostname -u username -p, tutto questo per dire che imparare i comandi mysql da riga di comando é cosa molto importante e non solo armeggiare sulla parte grafica di phpadmin presente in localhost. ad esempio mysql>SHOW DATABASES; mostrerà una risposta tipo due row in set seguito dal tempo di esecuzione con la rappresentazione grafica elemntare dei database mysql e test che sono quelli di default messi a disposizione dal software. Se scrivessi mysql>DROP DATABASE test; cancellerei il database test questo per dire che bisogna fare molta attenzione a quello che viene digitato. Il punto e virgola é la fine del comando e quindi se si omette posso anche spezzare i comandi su più righe per una migliore lettura di quello che voglio ottenere. Per uscire dal software basta un mysql>QUIT e Bye di conseguenza. Il metodo di inserimento dei comandi che useremo per governare MySQL per tutto il resto della trattazione fa parte di uno standard generale detto Structured query language o SQL e possiamo riferirci a questo linguaggio anche dicendo semplicemente query visto che to query sta a significare interrogare, cercare. SQL é un linguaggio standard per interagire con i DB e non ci sono grandi differenze saltando altrove semmai cambiano solo i dialetti. Basta solo non fare condusione tra MySQL e SQL, il primo é il software che ci viene messo a disposizione per immagazzinare i dati mentre il secondo é il linguaggio di interrogazione per ottenere i risultati di manipolazione modellazione estrapolazione che ci interessano. web design umbriaPer creare un database da riga di comando mysql>CREATE DATABASE ijdb; Per iJdb (internet joke database) dopodiché per usarlo e selezionarlo scriverò mysql>USE iJdb; Un database é vuoto finché non vengono aggiunte delle tabelle, quindi dovremmo preoccuparci come prima cosa di costruire un contenitore adeguato per i nostri dati. Dal punto di vista didattico per inserire i dati in un DB possiamo usare un doppio metodo tipo mysql> INSERT INTO table_name SET colonna1=value1, colonna2=value2…; oppure mysql> INSERT INTO table_name (colonna1, colonna2) VALUES (value1, value2)..;nel secondo caso nella seconda forma del comando INSERT l’ordine con cui ordinate le colonne deve coincidere con l’ordine con cui ordinate i valori. Per visualizzare i dati, aggiunge web design Umbria, si usa il comando mysql>SELECT * FROM joke; che tradotto significa seleziona tutti gli oggetti dalla tabella joke. Se i risultati appaiono disorganizzati posso estrapolare solo quello che mi interessa con la formula mysql>SELECT id, jokedate FROM joke; potrei anche desiderare di vedere almeno una parte della barzelletta e lo posso fare con questo comando specificando i caratteri: mysql>SELECT ID, LEFT (joketext,20), jokedate FROM joke; con COUNT posso visualizzare il numero di risultati avuti come numero di righe mysql>SELECT COUNT(*) FROM joke; possiamo anche cercare determinati attributi tipo tirami fuori tutti i record che sono stati inseriti dopo una specifica data mysql>SELECT COUNT(*) FROM joke WHERE jokedate>= “2004-0101”; possiamo anche estrapolare quelle barzellette che al loro interno hanno una specifica porzione di testo con mysql>SELECT joketext FROM joke WHERE joketext LIKE “%chicken%”; con LIKE parola chiave dico a mysql che la colonna nominata deve soddisfare una specifica qualità. Il segno % indica che la parola cercata può essere preceduta e/o seguita da una qualsiasi stringa di testo.Posso combinare quanto visto precedentemente con l’operatore logico AND per cui posso combinare il where con e il like con l’uguale e maggiore come data appunto unendo le espressioni con AND. Per aggiornare i dati la nomenclatura é mysql>UPDATE table_name SET colonnaname = new value, …WHERE conditions ad esempio possiamo cambiare una specifica data con il comando mysql>UPDATE joke SET jokedate=”1994-03-01″ WHERE id=1; per cancellare mysql>DELETE FROM table_name WHERE conditions; Per cancellare tutte le barzellette con la parola chiave pollo: mysql> DELETE FROM joke WHERE joketext LIKE “%chicken%”; inutile ricordare che bisogna fare molta attenzione nell’ usare la parola chiave DELETE ad esempio un comando da riga come questo mysql>DELETE FROM joke; svuoterebbe la tabella in un battito di ciglia! Per capire la forza di un database relazionale dovremmeo lavorare sulla dipendenza e sui legami tra molte tabelle dove esistono complesse relazioni tra le entità coinvolte. In una delle prossime sessioni di allenamento con umbriaway consulting andremo a vedere l’interazione specifica con i file php per modellare questi dati segregati nel contenitore. In rete ci sono molte guidi di riferimento per avere una sintesi dei principali comandi mysql per esempio: https://mauriziosiagri.wordpress.com/it/mysql/mysql-comandi-utili

Informazioni, prodotti, persone: come ti categorizzo la vita

web design umbria

Con Faraoni Enrico CEO di web design Umbria avevamo affrontato il discorso delle categorizzazioni in uno dei tanti portali Umbriaway Consulting, ad esempio all’ indirizzo https://umbriawayfidelizza.wordpress.com/2017/09/11/gli-scacchi-moderni-e-la-complessita-quando-web-design-umbria-incontra-le-categorizzazioni-del-dio-google/ abbiamo visto le categorizzazioni generiche che però possono riguardare anche il web. Potremmo giocare a creare una palla di parole per creare la complessità e provare successivamente di a capirci qualcosa: DMOZ, Google AD Planner, target di riferimento, pubblicità Display, informazioni acquisite da, analisi dei testi contenuti nei siti, link in entrata, analisi del comportamento degli utenti in SERP per decifrarne il comportamento, differenze sostanziali e similitudini tra siti inseriti in una stessa categoria. Certamente la directory DMoz rappresenta una base di partenza: http://dmoztools.net. Il concetto é che una volta categorizzato un elemento tipo negozi per animali come Google va a catturare le occorrenze e a fare matching tra tutto il materiale ammassato a uno stesso livello, evidenzia Faraoni Enrico tramite web design Umbria. Certamente ci sono delle differenze geografiche e una chiave di ricerca negozi di animali + città ha in se un mare magnum di differenze. Occorre mettere in evidenza quelli che sono gli aspetti peculiari di queste categorie al fine di comprendere come il motore pensa e ragiona per ottimizzare il tutto in funzione delle esigenze del consumatore finale. Display Planner oggi ridirezionato sotto AdWords all’ indirizzo https://adwords.google.com/da/DisplayPlanner/ ha una serie di frecce disponibili per il proprio arco non indifferenti in quanto consente di capire come viene etichettata la propria categoria e con quali chiavi per la ricerca della migliore performances di posizionamento. Possiamo ottenere un elenco di siti categorizzati con particolare riferimento sulle esigenze di luoghi. Quali sono gli argomenti più importanti affrontati dai siti al top per quella categoria? Certamente chi é un copywriter competitivo deve usufruire di tutte le risorse che ha appena a una spanna di naso e AD PLANNER un tempo autonomo come directory e oggi piegato al volere di AdWords nella sua URL é uno strumento potente che chi si occupa di web marketing non può sottovalutare. Certamente uno dei nostri obiettivi é quello di metterci in evidenza su argomenti tematici alzando l’asticella della qualità presso siti che hanno correlazione con il tema del nostro brand, tradotto dovremmo cercare di ottenere link esterni di qualità. Certamente la logica degli spider premia le 50 sfumature di grigio che scaturiscono tra due insiemi adiacenti e poco senso avrebbe cercare di migliorare il posizionamento organico sulla key cibo per cani cercando di fare SEM e tentando di allargare la propria influenza se il nostro sito si mette a parlare anche di razzi coreani che minacciano indiscriminatamente una terza guerra mondiale, tanto per restare distesi e rilassati, sottolinea web design Umbria. Intenzioni, utenti e siti web, insomma i motori ci squadrano e ci modellano sulle categorizzazioni con questi criteri. web design umbriaCertamente se vi mettete a cercare droni con insistenza e vi collegate in un social network non stupitevi se la pubblicità occulta e personalizzata dei droni compare anche lì per invogliarvi a svuotare il portafoglio in qualche negozio. Il fatto é che le nostre ricerche anche se anonime vengono memorizzate comunque nel browser per un certo periodo di tempo minore di sicuro rispetto a chi é loggato e sfruttate per servire il dio business del commercio elettronico, esalta web design Umbria. Del resto provate a digitare http://www.google.cpm/history (servizio che può anche essere disattivato) che cosa accade? Non dobbiamo quindi stupirci se intorno a noi le catastrofi naturali avanzano per i danni al clima che apportiamo e se le macchine e i computer stanno diventando sempre più umani per la capacità di rigirare i nostri interessi dal punto di vista psicologico come un calzino. Del resto ogni giorno cerciamo informazioni, persone, prodotti tutti dati che nella history poi vanno a finire categorizzati e ordinati secondo certi criteri. La storia dell’ occhio divino triangolare é assolutamente vera, qualcuno di fa a pezzettini sulle nostre preferenza nostra insaputa, sottolinea il CEO Faraoni Enrico di Umbriaway Consulting con velata ironia. E quindi le personalizzazioni sono circoscritte nell’ ambito di questo articolo di avvicinamento verso le categorizzazioni? Certo che no e in uno dei prossimi articoli sul portale Umbriaway Consulting andremo a intaccare la punta dell’ iceberg per scoprire altre sfumature sulla complessa questione del come e perché veniamo etichettati dai motori di ricerca.

Blog su WordPress.com.

Su ↑